BENVENUTI NEL NOSTRO MONDO!

Perché scegliere di riscaldare con il pellet?

Oggi parleremo di: “RISCALDAMENTO A PELLET”

Chissà quante volte ne avrai sentito parlare, e chissà quante volte ti sarai chiesto: ma conviene veramente? E soprattutto ne vale veramente la pena?

Innanzitutto facciamo una premessa, l’utente finale prima di decidere se passare da un combustibile ad un altro qualunque esso sia, dovrà fare un attento esame e chiedere una consulenza a chi di competenza, che valuteranno diversi fattori come: ubicazione, temperature, isolamento termico, materiali di costruzione ecc. Solo dopo si potrà stabilire qual è il prodotto migliore per soddisfare non solo i parametri del proprio immobile ma anche le esigenze dell’utente finale.

Non è raro incontrare chi dubita sull’effettivo risparmio del pellet, usando come motivazione la classe energetica o la dimensione dell’ambiente da riscaldare.

Su questo punto è bene essere chiari: il pellet fa risparmiare indipendentemente dalla destinazione d’uso. Perché? 

ECCO LE RAGIONI PER EFFETTUARE UN PASSAGGIO DI CLIMATIZZAZIONE

La motivazione principale del risparmio con le stufe a pellet è il costo dell’energia primaria, che si può facilmente intuire senza fare complicati calcoli matematici. Se vogliamo davvero capire il risparmio del pellet rispetto al gpl o al metano dobbiamo considerare innanzitutto il costo dell’energia primaria, ovvero quanto costa il combustibile rispetto al calore prodotto. A questo proposito L’Associazione Italiana Energie Agroforestali ha pubblicato un’interessante tabella, in cui risulta chiaro che tutte le biomasse agroforestali come la legna e il pellet sono molto più convenienti rispetto ai combustibili non rinnovabili. 

 

Se adottate il pellet per riscaldare casa non risparmierete solo sul riscaldamento, ma vi spetteranno anche delle agevolazioni fiscali.

In particolar modo acquistando una stufa a pellet avrete diritto alle detrazioni fiscali del 50%  e al Conto Termico 2.0.

Cosa s’intende per Conto Termico? È un incentivo statale che favorisce gli interventi e le opere finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica e alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Questo incentivo vuole incoraggiare, soprattutto, la sostituzione di generatori alimentati a gasolio, olio combustibile, carbone o biomassa, con generatori più moderni a biomassa legnosa, tra le quali anche le stufe a pellet. Il Conto Termico 2.0 assicura una maggiorazione dell’incentivo che premia gli impianti di riscaldamento con le migliori performance emissive.

Oltre a questi incentivi ci sono generatori a pellet che rientrano tra gli ecobonus 2020 e con il 110%

Dal punto di vista economico abbiamo visto che ci sono diversi punti a favore, ma che dire di tecnologia, manutenzione e facilità di utilizzo?

Il prossimo articolo sarà incentrato su questi punti.

Grazie per la lettura

Siamo sempre qui per aiutarvi nella scelta migliore ;-)